Italia in festa, Buffon s’infuria: ma perché?

Il capitano Azzurro lascia il campo infuriato dopo lo storico trionfo contro la Germania. A fine partita, il portierone ha parlato di rabbia accumulata per le tante occasioni sprecate in campo (” non si gioca col fuoco”), ma c’è anche chi ipotizza uno sfogo per le vecchie critiche sulle scommesse

http://l1.yimg.com/bt/api/res/1.2/lpf.Pd9yzJKqD4HHSwc0Wg--/YXBwaWQ9eW5ld3M7Y2g9MzYwO2NyPTE7Y3c9NjQwO2R4PTA7ZHk9MDtmaT11bGNyb3A7aD0zNTU7cT04NTt3PTYzMA--/http://media.zenfs.com/it_IT/Sports/Eurosport/857536-14525467-640-360.jpg

Una piccola macchia, prontamente cancellata a fine partita con le dichiarazioni di rito dello stesso protagonista, non possono certo rovinare la festa Azzurra agli Europei di calcio. L’Italia vince più che meritatamente contro la Germania e conquista, in maniera ineccepibile, la finale europea contro i campioni di tutto della Spagna, si è infatti ritrovata con un capitano imbronciato. Anzi infuriato. Al triplice fischio finale del signor Lannoy, il numero uno è schizzato negli spogliatoi evitando compagni e abbracci, e rinunciando così ai festeggiamenti in campo. Una furia. Ma perché?

E’ stato lo stesso Buffon, a mente fredda, a spiegare quella reazione: “Quando si sta giocando per qualcosa di unico, per un traguardo così prestigioso, non è giusto, per la partita fatta, che si soffra così negli ultimi cinque minuti e si scherzi col fuoco”. Un chiaro riferimento alle tante, troppe, occasioni sprecate.

Uno sfogo duro, da capitano, che però stona in una serata di festa. Ecco allora che in molti hanno ipotizzato un altro scenario, ricordando le precedenti conferenze stampa al vetriolo di Buffon in cui il portierone juventino si era scagliato con violenza contro stampa e critica dopo le note vicende del calcioscommesse.

La verità, probabilmente, sta nel mezzo: una sorta di mix tra paura di perdere tutto per alcuni eccessi di sicurezza in attacco, tensione accumulata, testosterone a mille, ma anche l’orgoglio infinito di un capitano capace di trascinare insieme ai suoi compagni una Nazionale criticata da molti (a un certo punto quasi da tutti) all’ennesimo storico traguardo.

 

Fonte : Yahoo

Lascia un commento